Classe energetica lavastoviglie: quanto consuma una lavastoviglie?

1
2
3
4
5
Bosch Serie 4 SMV46KX04E lavastoviglie A scomparsa totale 13 coperti A++
Beko DFN05210W lavastoviglie Libera installazione 12 coperti A+, Senza installazione
Beko DFN05311S lavastoviglie Libera installazione 13 coperti A+
Candy CDCP 6/E Lavastoviglie, 6 Coperti, 51 dB(A), 60,5 x 55,5 x 51 cm, Bianco
CANDY Lavastoviglie da Incasso CDI 1L38-02 a Scomparsa Totale Classe A+ Capacità 13 Coperti
Bosch Serie 4 SMV46KX04E lavastoviglie A scomparsa totale 13 coperti A++
Beko DFN05210W lavastoviglie Libera installazione 12 coperti A+, Senza installazione
Beko DFN05311S lavastoviglie Libera installazione 13 coperti A+
Candy CDCP 6/E Lavastoviglie, 6 Coperti, 51 dB(A), 60,5 x 55,5 x 51 cm, Bianco
CANDY Lavastoviglie da Incasso CDI 1L38-02 a Scomparsa Totale Classe A+ Capacità 13 Coperti
10
9.2
9
8.6
8.4
Bosch
BEKO
Beko
Candy
Laden
Bosch Serie 4 SMV46KX04E lavastoviglie A scomparsa totale 13 coperti A++
Bosch Serie 4 SMV46KX04E lavastoviglie A scomparsa totale 13 coperti A++
10/10
437,60 €415,51 €
Beko DFN05210W lavastoviglie Libera installazione 12 coperti A+, Senza installazione
Beko DFN05210W lavastoviglie Libera installazione 12 coperti A+, Senza installazione
9.2/10
Beko DFN05311S lavastoviglie Libera installazione 13 coperti A+
Beko DFN05311S lavastoviglie Libera installazione 13 coperti A+
9/10
Candy CDCP 6/E Lavastoviglie, 6 Coperti, 51 dB(A), 60,5 x 55,5 x 51 cm, Bianco
Candy CDCP 6/E Lavastoviglie, 6 Coperti, 51 dB(A), 60,5 x 55,5 x 51 cm, Bianco
8.6/10
399,00 €227,93 €
CANDY Lavastoviglie da Incasso CDI 1L38-02 a Scomparsa Totale Classe A+ Capacità 13 Coperti
CANDY Lavastoviglie da Incasso CDI 1L38-02 a Scomparsa Totale Classe A+ Capacità 13 Coperti
8.4/10

La lavastoviglie è divenuta ormai un elettrodomestico fondamentale nella vita quotidiana delle persone, poiché consente un’ottimizzazione dei tempi e talvolta anche dei consumi. La scelta della lavastoviglie è infatti condizionata da vari fattori, tra i principali vi è senza dubbio il consumo energetico, elemento che incide tra l’altro sulla spesa familiare. Oggigiorno si sono diffusi numerosi prodotti che consentono di risparmiare e al tempo stesso salvaguardare l’ambiente: ovviamente anche il settore delle lavastoviglie è incluso in tale categoria.

L’etichetta energetica e le caratteristiche del prodotto

Il livello di consumo degli elettrodomestici è identificabile dalla cosiddetta etichetta energetica, posta per obbligo di legge sulla lavastoviglie e suddivisa in sette differenti settori:

  • il primo settore indica il modello ed il marchio dell’elettrodomestico;
  • il secondo settore mostra la classe di efficienza energetica identificabile da una serie di frecce di vari colori e lunghezze;
  • il terzo settore esprime numericamente il consumo annuo di energia;
  • il quarto settore specifica la classe di efficacia del lavaggio;
  • il quinto settore indica l’efficienza di asciugatura;
  • il sesto settore mostra la capacità di carico;
  • il settore sette esprime la rumorosità dell’apparecchio.

La scala di efficienza energetica mostrata nel settore due si basa su frecce che variano dal verde al giallo sino a giungere al rosso, per indicare rispettivamente il passaggio da una maggiore a una minore efficienza nel consumo di energia. Al suo fianco è chiaramente indicata la classe energetica dell’apparecchio esposto: in questo modo sarà possibile decretarne facilmente la qualità.

In questa sezione può essere anche presente l’eventuale simbolo dell’Ecolabel, ecoetichetta dell’Unione Europea atta ad indicare il ridotto impatto ambientale del prodotto. Si tratta di un elemento che viene molto apprezzato dal consumatore d’oggi, consapevole ed attento alle conseguenze ecologiche del proprio stile di vita.

Il fine per cui è stata imposta normativamente l’etichetta energetica è fornire uno stimolo al mercato. Il risultato è la produzione di elettrodomestici sempre più performanti, capaci di svolgere la medesima attività ma impiegando meno energia. Così i produttori tendono ad investire maggiormente sullo sviluppo tecnologico, offrendo dei modelli avanzati al cliente. A sua volta il cliente, a dispetto della maggiore spesa iniziale, otterrà poi un concreto risparmio nel corso del tempo.

Le differenze tra le classi energetiche

Com’è ben noto, la classe energetica varia da A+++ a D, sette classi di efficienza energetica in una scala ascendente di consumo che influisce sulle prestazioni e soprattutto sul prezzo finale del prodotto. Valutando le differenze tra le varie classi energetiche, si può riscontrare che una lavastoviglie di classe A+++ comporta un consumo di 0,84 Kwh/ciclo, diversamente da una classe A++ che consuma 0,91 Kwh/ciclo, mentre il consumo di una classe A+ è di 0,98 Kwh/ciclo e quello di una classe A è di 1,15 Kwh/ciclo.
Per semplicità non prenderemo in considerazione le classi successive ad A, dal momento che risultano le categorie più dispendiose e, dunque, costose. D’altronde, un consumatore accorto tenderà a comprare solo apparecchi appartenenti alle prime ed efficienti classi.

Impatto sulla spesa familiare

Per quanto concerne l’indicatore di consumo, in passato veniva specificato il consumo per ciclo di lavaggio, negli ultimi tempi invece viene espresso il consumo annuo (corrispondente a circa 280 cicli di lavaggi).

Ovviamente ogni consumo energetico equivale ad un costo ben preciso, solitamente 0,25 euro per Kw. Pertanto effettuando un semplice calcolo matematico e comparando, ad esempio, la classe A+++ (0,84 x 0,25 = 0,21) con quella A (1,15 x 0,25 = 0,287) in un calcolo annuo per 280 lavaggi risulta un consumo rispettivamente di 58,80 euro per la classe A+++ e di 80,36 euro per la classe A. Dunque la scelta della classe A+++ comporta un risparmio annuale di 21,56 euro.

Tali cifre riguardano la procedura standard a pieno carico, ma talvolta il consumo effettivo può variare in base a vari parametri: la frequenza di utilizzo, ma soprattutto la modalità d’uso e la temperatura di lavaggio selezionata. Tuttavia la differenza tra le varie classi è abbastanza evidente per indirizzare la scelta d’acquisto.

Vantaggi e limiti nella scelta della lavastoviglie

Negli ultimi anni le prestazioni di questi elettrodomestici sono notevolmente migliorate, specialmente per quanto concerne la capacità di carico, il consumo idrico, l’efficienza di asciugatura, nonché il suddetto consumo elettrico.

Vantaggi delle migliori classi energetiche

La scelta del singolo apparecchio dipenderà certamente dalla frequenza di utilizzo, quindi sebbene un prodotto di classe A+++ appaia più costoso all’acquisto, bisogna tuttavia considerare vari fattori:

  • Il risparmio di lungo periodo sulla bolletta (esito di un ridotto consumo energetico)
  • Il minore impatto ambientale (notevole riduzione di emissioni CO2 dovuta ad un minore fabbisogno energetico dell’apparecchio)
  • Una maggiore qualità (utilizzo di modelli tecnologicamente avanzati)

Inoltre, occorre adottare ulteriori accorgimenti: effettuare un corretto uso dell’apparecchio e ricorrere ad un conveniente fornitore di energia.Usare in maniera opportuna la lavastoviglie equivale a riempire totalmente il cestello ed adoperare la giusta dose di detersivo, al fine di evitare sprechi.

Limiti della classificazione energetica

La scala di efficienza energetica facilita la comprensione del prodotto da parte dei potenziali clienti, ma presenta alcuni evidenti limiti che è opportuno considerare. Tra di essi vanno menzionati:

  • Il potenziale divario tra il consumo reale e quello standard calcolato durante i test di consumo
  • Lo scarso controllo della veridicità delle etichette (compito svolto raramente dai singoli stati membri dell’UE)

A ciò bisogna aggiungere il fatto che i progressi tecnologici hanno fatto sì che gran parte degli odierni elettrodomestici si riducano a due o tre classi migliori, di conseguenza all’atto di acquisto viene ridotta l’attenzione nei riguardi di questo parametro.

Conclusioni finali

Al di là delle differenze di marca, andando a valutare i pro e i contro delle diverse lavastoviglie si evince un sostanziale vantaggio nell’acquistare esemplari appartenenti alle classi energetiche più alte. Ciò vale soprattutto per coloro che la utilizzano più spesso: si noterà col tempo l’impatto sulla spesa familiare in base alla classe energetica prediletta. La scelta della lavastoviglie, così come l’acquisto di qualsiasi elettrodomestico di lunga durata, comporta un’attenta valutazione di numerose variabili. Attualmente il mercato garantisce una variegata offerta del prodotto per fornire una vasta scelta ai consumatori, specialmente a coloro che prestano particolare attenzione alle variabili più importanti: il risparmio e la tutela dell’ambiente.

Esperta di comunicazione, articolista e blogger con la particolare predilezione per l’elettronica di consumo e gli elettrodomestici.
Laureata a pieni voti in Teorie della comunicazione, con una tesi di laurea sul marketing, ho maturato esperienza nel settore pubblicitario.
Dedita alla cura della casa e sempre al fianco del consumatore, mi piace aggiornarmi repentinamente per offrire i giusti consigli e direttive sugli acquisti.

Classifica Migliori Prodotti

Back to top
Scelta Lavastoviglie